Per cortesia, abilitare il JavaScript per visitare questo sito!


















Ven 16/06/17 5:58
Risposte: 32
Visto: 1281
Al 90% ci sono i fili invertiti, nell'impianto standard il giallo ed il verde comandano gli indicatori.procurati gli schemi (sul web e su Gommonauti li trovi tranquillamente) e verifica. Per scrupolo verifica anche che non sia la presa sul mezzo ad avere noie

Dom 21/05/17 19:43
Risposte: 28
Visto: 707
Scollega il serbatoio principale e la linea carburante, prova il motore con un serbatoie ed una tubazione volante (accertandoti ovviamente che questi ultimi siano in buone condizioni).
Se la situazione non migliora occorre quasi sicuramente una accurata pulizia e regolazione dei carburatori.
Anche la pompa del carburante non in perfette condizioni potrebbe causare un simile malfunzionamento, basta pompare con la pompa manuale mentre il motore é sotto sforzo per capire se vi siano o meno problemi ad essa.

Sab 13/05/17 14:43
Risposte: 18
Visto: 1039
Un chart-plotter ecoscandaglio con NMEA2000 parte in media da 6/700€, poi devi acquistare la sonda che sono altri 100/150€ a seconda dei modelli e delle prestazioni.

Lun 08/05/17 20:51
Risposte: 5
Visto: 354
Il trasformatore alimentato a 220v eroga 12v in corrente continua o in alternata?

Dom 30/04/17 2:03
Risposte: 4
Visto: 221
La pompa lavora per effetto centrifugo, il rotore della pompa muove l'acqua che appunto per effetto centrifugo viene spinta sul bordo della pompa, incanalandosi nel tubo di scarico.
Le alette del rotore hanno una curvatura che in movimento crea un flusso rotatorio che migliora la circolazione ed aumenta leggermente la portata.
Facendo ruotare la pompa al contrario si riduce l'effetto portata.

Sab 29/04/17 19:50
Risposte: 4
Visto: 221
La pompa ha due cavi di colore differente, nero negativo e marrone positivo.
Se il problema é nell'impianto basta utilizzare un comune multimetro, a meno che non abbia parecchi anni rilevando la corrente continua (DC) indica con il simbolo - sul display se i puntali sono invertiti.

Ven 21/04/17 13:34
Risposte: 23
Visto: 1080
Il funzionamento è il seguente sulla maggior parte dei motori fuoribordo.
L'acqua viene spinta dalla girante nel blocco, una parte circola liberamente nella parte dello scarico (la flangia che hai smontato) l'altra arriva nella testata e viene bloccata dalla valvola termostatica fino al raggiungimento della temperatura di lavoro, a temperatura la valvola apre e permette il ricircolo dell'acqua fredda, l'acqua che passa nella valvola aperta finisce sempre nello scarico.
Se vuoi sapere con precisione quali sono i punti ed i vari passaggi dove passa l'acqua occorre procurarsi uno schema che di solito è allegato al manuale d'officina del motore stesso.

Gio 20/04/17 23:45
Risposte: 23
Visto: 1080
Lo flangia che hai rimosso riuscendo a vedere i pistoni, fa parte dello scarico e viene raffreddata dall'acqua in circolazione.
Togliendo la flangia e rimontandola alla bene e meglio (senza la guarnizione) e poi versando liquido dalla sede del termostato, hai riempito il blocco motore e una parte del liquido è arrivata in uno o più cilindri.
Togli la candela del cilindro in basso ed al 90% ci saranno trace di acqua e/o ruggine.
Per adesso è sufficiente togliere le candele e mettere nei cilindri una abbondante dose di protettivo (CRC, WD40 o simili) ruotando il volano manualmente in modo che si distribuisca sula superficie dei cilindri.
Il problema potrebbe essere grave se fosse entrata parecchia acqua e sia andata a depositarsi sul cuscinetto in basso, col tempo creerebbe ruggine che grippereppe il cuscinetto.

Mer 19/04/17 20:51
Risposte: 1
Visto: 153
Come nei normali fuoribordo 4T basta togliere il tappo di scarico e vuotare l'olio (importante ricordarsi di rimettere sia il tappo con la nuova guarnizione che l'olio nuovo...) sostituire il filtro ed avviare il motore per qualche minuto in modo che il filtro si carichi, spegnere il motore ed aspettare qualche minuto in modo che l'olio torni nella coppa, controllare il livello ed aggiungere se necessario.
Il livello deve essere compreso tra il minimo ed il massimo sull'astina di livello.
Come olio Quiksilver 25W40 sintetico o equivalente.
Cosa intendi come procedura?

Mer 19/04/17 20:34
Risposte: 9
Visto: 943
Nei vecchi modelli il faro aveva due alette posteriori ed era fissato con delle viti in un alloggiamento molto più largo e protetto da un triangolo in lexan.
Su questi sinceramente non saprei.
Comunque se guardi attentamente il faro dalla parte anteriore, nel bordo interno della parabola del faro dovrebbe esserci un anello in metallo, rimuovendo l'anello si sfila tuta la lente (nei vecchi era cosi, purtroppo le lampade erano incollate e bisognava sostituire tutta la lente completa).
Attenzione perché il bordo della lente è in vetro ed è facile da scheggiare e rompere (consigliabile l'utilizzo di occhiali protettivi)
Pagina 1 di 31
Tutti gli orari sono GMT + 2 ore