Per cortesia, abilitare il JavaScript per visitare questo sito!









Dom 26/03/17 12:04
Risposte: 22
Visto: 425
Quoto la soluzione di Stinger, cacciavite di adeguate dimensioni con gambo quadro o esagonale in modo che ci si possa aiutare con una pinza o una adeguata chiave.
Nella peggiore delle ipotesi, punzone da officinahttps://www.autoattrezzatureshop.com/content/images/thumbs/0000397_serie-di-6-cacciaspine-367-se6-usag_400.jpeg tipo questi ed un martello.
Posizioni il punzone nel taglio della vite in maniera che colpendolo forzi il tappo in senso antiorario, cioè a svitare (come il personaggio in foto...)
Solitamente un paio di colpi ed il tappo cede, quasi sempre se il tappo è bloccato e necessita di più colpi il taglio della vite si rovina ed i tappi devono essere sostituiti, con un pò di fortuna il tappo cede al primo colpo e non occorre sostituirlo.
Questa soluzione è l'ultima chance da tentare in caso di grippaggio.

Dom 26/03/17 11:49
Risposte: 3
Visto: 83
Nel manuale delle istruzioni dovrebbero esserci tutte le indicazioni del caso sul corretto posizionamento ed eventuali regolazioni da eseguire.
Il tuo dubbio a cosa è riferito in particolare?

Mar 21/03/17 13:35
Risposte: 3
Visto: 138
Dubito che la soluzione sia fattibile, considerando l'elasticità del prodotto.
Se questo è studiato per sanitari in porcellana e vasche da bagno, tenendo conto che queste ultime possono essere sia metalliche che in resina, ma comunque fissate staticamente e non soggette a vibrazioni ed a sollecitazioni varie, probabilmente l'utilizzo in chiglia potrebbe col tempo dar vita a fastidiose crepe oppure al distacco stesso della superficie applicata.
Modesto parere personale ovviamente

Lun 20/03/17 20:50
Risposte: 4
Visto: 107
La serie 40/60 Four Stroke non ha alternatore ma diodo di ricarica Cool
Le 18A erogate sono sufficienti a gestire una batteria da 100A, aggiungere la seconda batteria con il ripartitore aumenta solamente i tempi di ricarica delle stesse.
Se il motore viene utilizzato per brevi tratti ed a regimi mediobassi la situazione è un po critica, si corre il rischio di non caricare correttamente le batterie e di ridurne la vita utile a lungo andare.

Sab 18/03/17 16:31
Risposte: 2
Visto: 61
Così ad occhio anno 1980 o dintorni...
Se non ha mai visto l'acqua, probabilmente neanche mai visto una manutenzione.
Semplici controlli, togliere le candele e verificare l'eventuale presenza di ruggine, sempre con candele smontate ruotare il volano per capire se sia bloccato o meno, controllare l'olio nel piede tramite gli appositi tappi.
Probabilmente la girante è andata, anche se smontandola a vista si presenta integra la gomma avrà qualche anno alle spalle e al primo movimento potrebbe sfibrarsi e rompersi.
Il circuito del carburante (specialmente le membrane della pompa C) potrebbe avere noie, col tempo la gomma dei tubi si indurisce.
Per il valore non saprei, tutto dipende dalle zone e da chi lo compra, comunque per essere vendibile deve essere rimesso in sesto, il che potrebbe comportare diverse spese visto e considerato il fermo prolungato

Sab 18/03/17 16:14
Risposte: 85
Visto: 4157
L'acido muriatico o simile corrode anche il metallo, specialmente l'alluminio.
Una soluzione può essere un pulitore per murature o simili (Acido Tamponato), molto più leggero ed efficace sopratutto sulle incrostazioni di calcare.
Esegui sempre una prova in un angolo, comunque il risultato è buono.
Evita di mandare acido, aceto o liquidi vari nei cilindri, in quanto potrebbero passare le fasce elastiche e raggiungere organi vitali (le fasce stesse, pompa olio, bronzine, cuscinetti ecc...)
Una spugnetta di Scotch Brite, petrolio o benzina con un pò di olio di gomito e le superfici dei pistoni ritorneranno nuove Wink

Mar 14/03/17 19:52
Risposte: 85
Visto: 4157
Particolare attenzione anche allo scarico nel gambale. Lo scarico confina con la coppa dell'olio, una guarnizione andata o un principio di corrosione possono permettere all'acqua che raffredda il collettore di scarico di arrivare nell'olio della coppa, creando i danni del caso.

Sab 11/03/17 21:30
Risposte: 6
Visto: 298
La scomodità dello scivolo ad Anzio è relativa, se non hai un mezzo ed un carrello enorme non ci sono grandi problemi a parte il parcheggio (personalmente ci vado tranquillamente con un iveco Daily 4x4 ed un carrello doppio asse di circa 9m, il problema sono le auto parcheggiate in divieto di sosta, capita spesso di bloccare il traffico, specialmente in uscita quando si arriva in piazza...)
Circeo c'è il solito problema del parcheggio e i tutori dell'ordine ci vanno a nozze.
Foce Sisto, le gru sono a riposo ma lungo il canale, un pó internati ci sono alcuni scivoli, il primo é del rimessaggio e per correttezza é meglio chiedere al proprietario se si può usare (sempre gentile e disponibile) andando più interno ce ne sono altri due liberi, ma se non hai un carro armato o un veicolo con gli attributi é facile rimanerci piantati.
Scendendo a Badino i vari rimessaggi hanno le gru ma non saprei indicarti i costi, poi di uesti periodi lavorano su appuntamento.
Purtroppo siamo messi non be ...

Gio 09/03/17 23:39
Risposte: 6
Visto: 298
Foceverde e Rio Martino come sopra.
Anzio, il problema è che è abbastanza scomodo da raggiungere (si entra dalla strada in retromarcia, il marciapiede, l'albero e le auto parcheggiate non aiutano nella manovra) e non ci sono posti auto (e carrello...) a disposizione.
Nettuno, lo scivolo è aperto al pubblico ma è vincolato agli orari ed i lavori del cantiere, inoltre la rampa dello scivolo termina in acqua con uno sprofondo di circa due metri, in pratica è abbastanza pericoloso sopratutto per l'alaggio.

Gio 02/03/17 20:33
Risposte: 4
Visto: 135
Avvia il motore e lascialo girare al minimo per una decina di minuti premendo la pompetta manuale di tanto in tanto, se senti la pompetta cheva a vuoto dai qualche pompata di continuo, se il decantatore ha la vaschetta trasparente vedrai il carburante scorrere man mano.
Pagina 1 di 30
Tutti gli orari sono GMT + 1 ora